Perché aderire?

SE VUOI: l'espressione di un chiaro SI’ alla Pace ed un inequivocabile e non contrattabile NO alle attuali politiche di guerra: la Campagna OSM - DPN è rivolta ad iniziare una difesa popolare alternativa a quella armata, per ridurre le spese militari e più in generale a mantenere la Pace in Italia e nel mondo. Allora obietta alla guerra e ai suoi apparati e cerca di costruire la pace anche con piccole ma significative azioni di Pace.

Lavora con noi per:

Þ    approvare una legge che permetta ai cittadini/cittadine di detrarre i fondi versati a finanziamento della legge 64/01 "Istituzione del servizio civile nazionale" dalle proprie tasse;

Þ    mantenere un Tavolo di Lavoro comune con l'Ufficio Nazionale per il Servizio Civile, finalizzato a ottenere il riconoscimento istituzionale e l’organizzazione delle missioni di Obiettori e volontari in servizio civile in zone di conflitto, con compiti di risoluzione nonviolenta, interposizione e diplomazia popolare (Leggi 230/98 "Nuove norme in materia di obiezione di coscienza" e 64/01 "Istituzione del servizio civile nazionale");

Þ    realizzare  progetti di formazione rivolti a OdC e a formatori di OdC  su nonviolenza e DPN da inserire nei programmi generali di formazione previsti dalle Leggi 230/98 e 64/01;

Þ    realizzare campagne di opposizione alle guerre, all'aumento delle spese militari e al commercio d'armi anche attraverso la creazione di strumenti informativi e in accordo con associazioni pacifiste del territorio e  movimenti antiglobalizzazione;

SE NON VUOI: la guerra come strumento di risoluzione dei conflitti tra i popoli, perché devasta le popolazioni oppresse dal conflitto e per chi la fa sottrae risorse alla sanità, all’educazione e all’occupazione;

M   l’accumulo di armi, in primo luogo quelle nucleari e di distruzione di massa;

M   il Nuovo Modello di Difesa italiano, che, violando l’articolo 11 della Costituzione, al costo previsto di 50 milioni di euro (ovvero circa centomila miliardi di lire) da spendere nei prossimi dieci anni, istituisce un corpo di militari professionisti, veri e propri mercenari della guerra, che verranno impiegati al di fuori dei confini nazionali per salvaguardare gli interessi economici e politici del nostro paese. Spesso dietro la facciata di “missioni di pace” o di “azioni di polizia internazionale”, gli eserciti dei paesi ricchi (Irak, Afghanistan, Kossovo) assumono un ruolo di conquista delle risorse e non risolvono i problemi per cui i conflitti erano scoppiati, lasciando la popolazione in balia della fame, dello sfruttamento, dell’abbandono sanitario e culturale. La vera pace si può costruire solo tramite scelte di pace e di riconciliazione, non con la violenza;

      anche l’Italia sta seguendo questa strada, con evidenti conseguenze:

ü      Forte aumento delle spese militari (come anche l’ultima finanziaria ha confermato);      Avvio di una politica di riarmo delle forze armate, prevedendo la realizzazione di una nuova portaerei, del caccia europeo EFA2000, ecc.;

ü      Sospensione della leva obbligatoria e passaggio ad un esercito professionale con ulteriore aggravio economico per la collettività;

M   lo scandaloso divario tra Nord e Sud del mondo, è mantenuto dal nord con: il suo strapotere militare in particolare nucleare, la sua supremazia culturale, il mercato dei suoi consumi, il suo sistema industriale e il suo sistema bancario;

M   lo sfruttamento, l’uccisione, la sopraffazione dell’uomo sull’uomo, tanto meno quando sono alimentati dall’appartenenza ad uno Stato che li organizza;

Può aderire alla Campagna OSM-DPN  ogni cittadino/a  italiano/a che versi un contributo per la Pace, qualsiasi sia la sua condizione fiscale (non soggetto a dichiarazione,  con trattenuta alla fonte, a debito d’imposta, a credito d’imposta) scegliendo la sua azione di Pace.

Legenda: Osm: obiettori /trici alle spese militari; Dpn: Difesa Popolare Nonviolenta; Unsc: Ufficio Nazionale per il servizio civile; Odc: Obiettori di coscienza al servizio militare.