….FERMIAMO CHI SCHERZA COL FUOCO ATOMICO…

METTIAMOCI INSIEME PER IL DISARMO !

 


Una grave emergenza chiama a raccolta tutte le associazioni, i movimenti, le persone che da tanti anni lavorano per il ripudio della guerra, per la nonviolenza e per la pace.

La crisi USA-Iran, alimentata anche dalla gravissima escalation di violenze ed azioni belliche  in Palestina, in Libano-Israele, ed in tutto il Medio Oriente, non fa che aggravarsi. Essa è un elemento chiave nella strategia americana di controllo sull’ area strategica della “cintura del petrolio”. La possibilità di una guerra atomica torna prepotentemente alla ribalta con le accuse statunitensi a Teheran di fomentare il terrorismo e di perseguire l’arricchimento dell’uranio per fini bellici. L’uso della "Bomba" per “disarmare l’Iran” è ufficialmente pianificato e rivendicato come lecito e possibile da parte dell’Amministrazione Bush. Questa minaccia non fa che alimentare ulteriormente il terrorismo.

La proliferazione nucleare ha rotto gli argini ed è entrata in una nuova pericolosissima fase: i test missilistici nordcoreani ne sono una manifestazione. Anche gli ostacoli frapposti  al controllo democratico, - in alcuni Paesi dittatoriali del tutto impossibile-  costituiscono un fattore aggiuntivo di allarme.

Ciò nonostante, la percezione del rischio che stiamo correndo è ancora assai limitata, se non inesistente, nell’opinione pubblica.

Non riconosciamo alcun "diritto" al regime teocratico degli Ajatollah, tanto più dopo le sue esagitate minacce contro il “regime sionista”, di dotarsi della "Bomba", approdo della Tecnologia Nucleare;  ma nemmeno alle potenze nucleari di ergersi a giudici degli altri Stati. Stati Uniti, Russia, Francia, Gran Bretagna, Cina (cui si sono aggiunte India e Pakistan  e - non ufficialmente - Israele e Corea del Nord) non hanno rispettato gli impegni per il disarmo totale sottoscritti già quasi quarant’anni fa con il Trattato di Non Proliferazione (NPT) .

Le armi di distruzione di massa  sono immorali  in quanto armi di distruzione indiscriminata; le armi atomiche lo sono in modo assoluto in quanto il loro impiego minaccia di distruggere in poche ore ogni vestigia di civiltà, e forse anche ogni forma di vita, spezzando l’equilibrio che la Natura ha sviluppato in miliardi di anni sul pianeta.

La Corte Internazionale dell’Aja si e’ espressa dichiarando che l’uso e la minaccia delle armi nucleari sono contrari al diritto internazionale. Anche l’Italia ha la sua fetta di responsabilità, ospitando, in palese violazione della Costituzione e dei suoi impegni di paese non-nucleare, tra Aviano (PN) e Ghedi (BS) una novantina di atomiche, e in 11 porti sommergibili a propulsione nucleare, dotati ciascuno di missili con testate nucleari di potenza distruttiva complessiva migliaia di volte superiori alle bombe di Hiroshima e Nagasaki.

Politici e militari, sperperando enormi risorse mentre miseria e morte per fame aumentano ovunque, pretendono di decidere da soli nel campo dei problemi atomici, vanificando la democrazia, tenendo la popolazione ostaggio delle loro scelte.

La politica, la societa’, le religioni, la cultura, la scienza, si trovano davanti ad una scelta di vita o di morte.

Oggi le armi nucleari hanno perduto il ruolo di deterrente, ma sono concepite per venire usate. I veri rischi provengono dagli Stati nucleari che non intendono disarmare, e dalla disponibilità di materiale fissile.

La perversa "razionalita'" della brama di potere, della prevaricazione e della forza armata, degenerata nella follia e nell'insensatezza assolute, ha espresso la regola della competizione atomica: CHI SPARA PER PRIMO VINCE (se riesce ad impedire la reazione del "nemico").

La preparazione e la minaccia dello sterminio atomico dimostrano dove portano l'idea e la pratica della guerra, che è un male incontenibile, scatenante il massimo possibile di violenza e distruzione.

Ci troviamo davanti ad un passaggio storico che può essere drammatico per l’umanità. Ma può anche essere il momento in cui i popoli dell’intero pianeta reagiscono alla rassegnazione, chiedendo il rispetto della legalità internazionale ed esigendo di essere trattati come cittadini e non come ostaggio o bersaglio delle partite a Risiko planetario tra i signori della guerra.

Non possiamo delegare, come ci impone la NATO, la “Suprema garanzia di Sicurezza” alla deterrenza nucleare. Difesa e sicurezza possono fondarsi sull’unità popolare che interviene nei conflitti con l’azione nonviolenta ed i Corpi Civili di Pace.

Noi, gruppo di nonviolente/i, senza presunzione ma con convinzione, chiediamo a tutte e tutti di fare proprio questo appello, di promuoverlo, di diffonderlo, di persuadere gli indecisi.

Ci rivolgiamo all’intera società, al mondo della cultura, della politica, della religione, del lavoro, della scienza, a tutti e ad ognuno:

·                 per l’immediata applicazione del Trattato di non proliferazione, a partire dall’Italia e dall’Europa;

·                 per contestare la presenza delle atomiche USA nelle basi militari e nei porti italiani;

·                 per contrapporre al concetto strategico della NATO la trasformazione degli armamenti da offensivi a strettamente difensivi  in direzione della Difesa Civile non armata e Nonviolenta;

·                 per l’obiezione di coscienza dei tanti, troppi, scienziati coinvolti nelle ricerche militari affinché, insieme alle organizzazioni del lavoratori, realizzino la riconversione dell’industria bellica

·                 perché i rappresentanti di tutte le religioni dichiarino la guerra atomica Tabù e Peccato, un crimine contro l’umanità come tale assolutamente non giustificabile.

Il disarmo nucleare completo, come previsto anch’esso dal Trattato di non proliferazione, deve essere il primo passo per il disarmo totale.


 

"NO ALLA GUERRA NUCLEARE" - insieme per il disarmo

 

"NO ALLA GUERRA NUCLEARE" - insieme per il disarmo

 

Vittorio Agnoletto

Virginia Agliata

Andrea Agostini

Massimo Aliprandini

Rocco Altieri

Aldo Antonelli

Lina Appiano

Isa Baldelli

Angelo Baracca

Luisa Benfatti

Marco Bersani

Norma Bertullacelli

Graziella Bevilacqua

Roberto Bianchetti

Franca Bizzoni

Albino Bizzotto

Filiberto Boffi

Massimo Bonfatti

Liliana Boranga

Riccardo Bovolenta

Antonio Bruno

Pierpaolo Calonaci

Paolo Candelari

Mariella Cao

Alessandro Capuzzo

Tiziano Cardosi

Giuseppina Catalano

Angelo Cavagna

Chiara Cavallaro

Arnaldo Cestaro

Giovanni Ciavarella

Lisa Clark

Paolo Colantonio

Patrizia Creati

Massimo Dalla Giovanna

Ivano Dalla Giovanna

Carla Dalla Pozza

Adriana De Mitri

Pasquale De Sole

Pino De Stasio

Enrico Del Vescovo

Rita Filippo

Domenico Gallo

Nella Ginatempo

Agnese Ginocchio

Giancarlo Giovine

Doriana Goracci

Giovanni Grandi

Iacopo  IVenier

Domenico Jervolino

Alberto L'Abate

Piero Leone

Flavia Lepre

Rosalba Ligorio

Floriana Lipparini

Ettore Lomaglio Silvestri

Gigi Malabarba

Paola Manduca

Giuseppe Marazzi-

Anna Maria Satta

Giuliana Martirani

Lucia Monari

Davide Morano

Luisa Morgantini

Luciano Muhlbauer

Pola Natali Cassola

Alfonso Navarra

Giorgio Nebbia

Pierluigi Ontanetti

Giuseppe Onufrio

Massimo Paolicelli

Sergio Paronetto

Enrico Peyretti

Martina Pignatti Morano

Giuliano Pontara

Lorenzo Porta

Claudio Pozzi

Donatella Quarrata

Mohamed Rafia Boukhbiza

Ottavio Raimondo

Alessandro Rizzo

Angelica Romano

Caterina Rosolino

Giovanni Russotto

Nanni Salio

Lorenzo Scaramellini

Antonella Selva

Maurizio Sgarzi

Piergiulio Sodano

Silvano Tartarini

Tiziano Tissino

Francesco Tullio

Mao Valpiana

Lorena Vandelli

Antonio Vermigli

Francesco Vignarca

Luigi Vinci

Luciano Zambelli

Alex  Zanotelli

 

Per adesioni   Alex Zanotelli       Alfonso Navarra   CELL. 349-5211837     email alfonsonavarra@virgilio.it